La versione originale in lingua inglese di questa pagina è stata modificata di recente. La versione linguistica visualizzata è attualmente in fase di traduzione.
Swipe to change

Mandato di arresto europeo

Il mandato d'arresto europeo (MAE) sostituisce le lunghe procedure di estradizione tra gli Stati membri dell'UE con una procedura giudiziaria semplificata di consegna ai fini dell'esercizio dell'azione penale o dell'esecuzione di una pena o una misura di sicurezza privative della libertà. Un MAE emesso dalle autorità giudiziarie di uno Stato membro è valido in tutto il territorio dell'Unione europea.

Cos'è il mandato d'arresto europeo?

Il mandato d'arresto europeo è la richiesta di un'autorità giudiziaria di uno Stato membro dell'UE perché si proceda all'arresto di una persona in un altro Stato membro e la si consegni al primo Stato membro ai fini dell'esercizio dell'azione penale o dell'esecuzione di una pena o una misura di sicurezza privative della libertà. Si fonda sul principio del riconoscimento reciproco delle decisioni giudiziarie e presuppone contatti diretti tra le autorità giudiziarie.

Il MAE offre un buon equilibrio tra efficacia e garanzie rigorose quanto al rispetto dei diritti fondamentali della persona arrestata. Gli Stati membri e i giudici nazionali sono tenuti a rispettare i diritti processuali di indagati o imputati e le disposizioni della Convenzione europea dei diritti dell'uomo. La persona arrestata in base a un MAE può essere assistita da un avvocato e, se necessario, da un interprete, conformemente alla legislazione del paese in cui è avvenuto l'arresto.

Il MAE si basa su un accordo tra gli Stati membri dell'UE, la cosiddetta decisione quadro sul mandato di arresto europeo.

Gli Stati membri hanno inoltre elaborato orientamenti sul funzionamento del sistema MAE contenuti nel "manuale europeo sull'emissione del mandato di arresto europeo".

Quali sono le novità rispetto alle procedure di estradizione tradizionali?

Il mandato d'arresto europeo introduce sei elementi nuovi rispetto alle procedure di estradizione tradizionali:

  1. Termini rigorosi: lo Stato in cui la persona è arrestata deve consegnarla allo Stato in cui il MAE è stato emesso entro un termine massimo di 90 giorni dall'arresto. Se la persona arrestata acconsente alla consegna la decisione è presa entro 10 giorni..
  2. Procedure più semplici: per 32 categorie di reati gravi è soppresso il principio della doppia incriminazione, secondo cui il comportamento per il quale è richiesta la consegna deve costituire reato sia nello Stato richiedente che nel paese in cui il ricercato è arrestato. Purché il reato sia sufficientemente grave e sia punito con una pena privativa della libertà di almeno tre anni nello Stato membro che ha emesso il mandato, un mandato d'arresto europeo emesso per un tale reato dev'essere eseguito anche se la definizione del reato non è la stessa in entrambi gli Stati.
  3. Assenza di intervento a livello politico: la procedura del MAE ha abolito la fase politica dell'estradizione. Ciò significa che la decisione di consegnare o meno una persona sulla base di un MAE rientra in un iter esclusivamente giudiziario.
  4. Consegna di propri cittadini: in linea di principio gli Stati membri dell'UE non possono più rifiutare la consegna dei propri cittadini, a meno che assumano la competenza per l'azione penale o l'esecuzione della pena privativa della libertà nei confronti del ricercato. Il MAE si fonda sul principio che i cittadini dell'UE sono responsabili dei loro atti dinanzi ai giudici nazionali in tutta l'UE.
  5. Garanzie: la consegna di una persona può essere subordinata a tre tipi di garanzie che lo Stato emittente il mandato deve fornire:
    a. se il MAE si basa su una decisione pronunciata "in absentia" del ricercato, la consegna può essere subordinata alla condizione che l'interessato abbia il diritto di richiedere un nuovo processo nello Stato che ne chiede la consegna.
    b. se il MAE è stato emesso per un reato punibile con una pena privativa della libertà a vita, la consegna può essere subordinata alla condizione che l'imputato, dopo un certo lasso di tempo, possa richiedere una revisione della pena comminata.
    c. se la richiesta riguarda l'azione penale nei confronti di un cittadino o residente abituale dello Stato di esecuzione in cui la persona è stata arrestata, la consegna può essere subordinata alla condizione che la persona sia rinviata in tale Stato per scontarvi la pena privativa della libertà pronunciata nei suoi confronti.
  6. Motivi di rifiuto: la consegna della persona arrestata può essere rifiutata per tre motivi obbligatori e sette facoltativi. I motivi obbligatori riguardano il principio "ne bis in idem" (nessuna consegna se la persona ha già scontato una pena per lo stesso reato), i minori (nessuna consegna se la persona non può essere ancora considerata, a causa dell'età, penalmente responsabile nel paese in cui è avvenuto l'arresto) e l'amnistia (nessuna consegna se lo Stato in cui la persona è stata arrestata sarebbe stato competente a perseguire il reato e il reato è coperto da amnistia). I motivi di rifiuto facoltativi sono affidati, in linea di principio, alla discrezionalità delle autorità giudiziarie; per esempio, la consegna può essere rifiutata se parte dei reati per i quali è stato emesso il MAE è stata compiuta nello Stato in cui la persona è arrestata e detto Stato si impegna ad esercitare l'azione penale per tali reati.

Dati statistici

Il MAE è operativo in tutti i 28 Stati membri e le valutazioni effettuate dimostrano che funziona bene. Anche se non tutti gli Stati membri hanno reso disponibili i dati, le cifre (arrotondate) nella tabella mostrano il livello di impiego del MAE.


2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

MAE emessi

6 900

6 750

11 000

14 200

15 800

13 900

9 800

10 450

13 100

Persone rintracciate e/o arrestate

1 770

2 040

4 200

4 500

6 150

6 460

6 490

5 840

7 850

Persone consegnate

1 530

1 890

3 400

3 630

5 580

5 370

5 230

4 480

3 460

Nella maggioranza degli Stati membri la consegna con il consenso dell'interessato ha luogo entro 14-16 giorni e senza il consenso in circa due mesi. Circa il 50% delle consegne avviene con il consenso della persona ricercata.

Ultimo aggiornamento: 23/07/2015

Questa pagina è a cura della Commissione europea. Le informazioni contenute in questa pagina non riflettono necessariamente il parere ufficiale della Commissione europea. La Commissione declina ogni responsabilità per quanto riguarda le informazioni o i dati contenuti nel presente documento. Si rinvia all'avviso legale per quanto riguarda le norme sul copyright per le pagine europee.
La Commissione sta aggiornando alcuni contenuti del sito alla luce dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. L'eventuale presenza di contenuti che non riflettono tale uscita non è intenzionale e sarà corretta.

Commenti

Usa il formulario qui di seguito per condividere i tuoi commenti e le tue osservazioni sul nostro nuovo sito web